The black Lantern

Aviano



The black Lantern P.zza Duomo, 11,
33081, Aviano
Pordenone

“The Black Lantern pub” una steak house nell’antico e famoso palazzo Cristofori di piazza Duomo ad Aviano «food e drink» assieme a concerti dal vivo.

"la Storia"

“Lanterna nera” stimola l’immaginario verso le locande di Boston e Baltimora dove, nella prima metà del diciannovesimo secolo scrisse e pubblicò i suoi racconti polizieschi e dell’orrore il mai dimenticato Edgard Allan Poe.

Allan Poe era deceduto da quasi cinquant’anni quando, nel 1896, in sintonia col suo spirito letterario, a palazzo Cristofori si è consumato uno dei delitti più efferati che la storia di Aviano ricordi.

Il crimine era avvenuto quando l’importante palazzo apparteneva al pretore Dall’Oglio, il quale aveva affittato il pianterreno all’Esattoria delle imposte. Diari di illustri avianesi, quali l’avvocato Egidio Zoratti e l’agrimensore Pietro Piazza, dedicano più pagine a quello conosciuto come “Il delitto Penzi” che impegnò per alcuni mesi la Corte d’Assise di Udine.

Il capo esattore Steffinlongo aveva assunto, quale impiegato, Arturo Penzi che abitava in una casa dietro il palazzo, in località “Stradatte” . Arturo Penzi, che all’epoca del suo nuovo impiego in esattoria aveva 27 anni, reduce dal servizio militare volontario in Abissinia.

Rimpatriato dopo la disastrosa disfatta italiana di Adua, Penzi aveva inoltrato domanda per la concessione della medaglia commemorativa della campagna d’Africa. In poco tempo, forse per debiti di gioco, o per un’esistenza dispendiosa, si trovò in difficoltà finanziarie che ritenne di risolvere assassinando l’esattore Steffinlongo e impadronendosi della cassa dell’esattoria.

Una sera, entrato dal retro, armato di mannaia, Penzi realizza il delitto. Uccide Steffinlongo chino sulle carte dell’esattoria, assestandogli un solo colpo di scure in mezzo al cranio.

Penzi non riuscirà a farla franca, Si tradirà il giorno dopo per una battuta fuori posto (“Ciò vecio, no sta miga sporcarme de sangue, che no i diga che son sta mi”) pronunciata mentre, fingendo stupore e costernazione, aiutava il maresciallo dei carabinieri a spostare il cadavere.

Una volta fermato, i carabinieri rinvennero a casa di Penzi gli abiti sporchi di sangue, con i quali aveva commesso il delitto. Per il suo crimine Arturo Penzi venne condannato a trent’anni di reclusione. Morì in carcere.


The black Lantern

P.zza Duomo, 11 - Aviano
P.iva 01771450937
Telefono 3455265382

Per ulteriori informazioni sull'offerta o sulle modalità di acquisto scrivi a posta@risparmionetto.it


Media gallery